Comparire nelle prime posizioni di Google è un aspetto ormai fondamentale. Ecco 10 consigli per scrivere un articolo ottimizzato per i motori di ricerca

Per scrivere un articolo che abbia buone possibilità di comparire nelle prime posizioni dei risultati di ricerca di Google servono molte più competenze di quanto si possa immaginare. Struttura, titoli, sottotitoli, paragrafi, parole chiave, sono tutti aspetti che non possono essere ignorati e che se utilizzati nella maniera corretta permetteranno al tuo articolo di scalare i risultati di ricerca di Google.

Eccoti quindi le 10 principali indicazioni che ci sentiamo di consigliarti per la scrittura dei tuoi articoli:

1. Fai una ricerca delle parole chiave

Una volta scelto l’argomento da trattare, è molto importante che tu faccia un’analisi per determinare quali siano le parole chiave maggiormente utilizzate sui motori di ricerca per trovare l’argomento del quale stai per iniziare la scrittura.

In questo caso esistono diversi ottimi strumenti che giungono in tuo soccorso. Tra i migliori, ci sentiamo di consigliarti:

2. Pianifica prima di iniziare a scrivere

Rifletti attentamente su quale sia lo scopo principale dell’articolo che andrai a scrivere.

Qual è il messaggio che vuoi mandare ai tuoi lettori?
Qual è la domanda principale alla quale vuoi offrire una risposta?
Cosa vuoi che facciano i tuoi lettori una volta terminato l’articolo?

Questi sono alcuni esempi di domande delle quali dovrai tener conto nel corso della scrittura del testo.
È di fondamentale importanza che ognuna di esse venga risposta in maniera chiara all’interno dell’articolo.

3. Segui una struttura chiara

Ogni articolo dovrebbe avere una struttura chiara e lineare, così da far orientare il lettore nel modo più semplice e immediato possibile.

La struttura base di un articolo è la seguente:

  • Introduzione
  • Corpo dell’articolo (è qui in cui andrai a rispondere a tutte le domande)
  • Conclusioni

Esistono strutture più complesse ed altrettanto valide, ma considera questa come una base da cui è fondamentale partire.

4. Usa i paragrafi

Tendenzialmente tutti utilizzano i paragrafi, ma la maggior parte delle persone li usa senza criterio.
Non iniziare ogni nuova frase su una nuova riga, solo perché ti sembra visivamente più piacevole. Dev’esserci una ragione logica per iniziare un nuovo paragrafo. Ogni paragrafo dovrebbe avere un suo proprio sottoargomento da sviluppare.

5. Utilizza titoli e sottotitoli

I titoli contribuiscono a strutturare in maniera ottimale la pagina. Non sono importanti solo per la fruibilità del testo, ma anche a livello SEO (Search Engine Optimization, appunto). Questi aiutano i motori di ricerca a capire quali sono i principali argomenti trattati all’interno dell’articolo e di conseguenza aiutano te nel posizionamento.

All’interno di ogni articolo deve essere presente un titolo H1 (il vero e proprio titolo), un titolo H2 (il sottotitolo) e opzionalmente uno o più titoli H3, che possono essere molto utili in caso di articoli particolarmente lunghi e divisi in vari sottoargomenti.

6. Utilizza le parole segnalatrici

Le parole segnalatrici permettono al lettore di trovare ciò che cerca in maniera più rapida.

Mettiamo ad esempio che nel tuo articolo siano presenti 3 valide ragioni per acquistare un determinato prodotto. Potresti usare parole segnalatrici come “Prima di tutto”, “Inoltre”, “Infine” all’inizio di ogni frase che andrà a descrivere nel dettaglio queste ragioni.

Può sembrare un consiglio di minor conto ma, se utilizzate nelle maniera corretta, le parole segnalatrici possono migliorare di molto la fruibilità dei tuoi contenuti.

7. Fai leggere il tuo articolo ad alcune persone di fiducia

Prima di pubblicare il tuo articolo, sarebbe buona norma quella di sottoporlo alla lettura di uno o più tuoi amici. Spesso scrivendo un articolo molte cose vengono date quasi per scontate da parte di chi scrive, ma non è detto che valga altrettanto per chi legge. Capire se ai tuoi lettori arriva in maniera chiara il messaggio che vuoi mandargli è un aspetto che non andrebbe mai sottovalutato.

8. Ottimizza la lunghezza del tuo articolo

Il numero di parole che compongono il tuo articolo non dovrebbe mai scendere al di sotto delle 300. A Google non piacciono gli articoli eccessivamente corti, perché ritiene che con un basso numero di parole non sia possibile sviluppare al meglio un determinato argomento e la missione primaria di Google è quella di offrire agli utenti contenuti di qualità, che rispondano in maniera chiara e completa a ciò che stavano cercando.

Allo stesso modo articoli estremamente lunghi possono essere penalizzati perché molti utenti abbandoneranno la pagina prima di terminare la lettura e questo è un criterio sul quale Google tiene particolare attenzione.

9. Utilizza i link interni

L’utilizzo dei link interni (link che puntano ad altre pagine dello stesso sito) è una pratica particolarmente utile per due motivi ben distinti:

  • Forniscono all’utente una possibilità di approfondimento dello stesso argomento o comunque di un argomento correlato, aumentando la sua permanenza sul sito (un altro fattore tenuto in particolare attenzione da Google).
  • Creano una rete di collegamenti logici particolarmente utili ai motori di ricerca per generarsi una sorta di mappa e gerarchia dei contenuti presenti sul tuo sito.

10. Utilizza uno strumento SEO

Sul web esistono vari strumenti SEO molto validi e professionali. Uno di questi è SEOZoom, che però ha dei costi piuttosto rilevanti e va comunque considerato come uno strumento per utenti medio-avanzati.

Per chi utilizza WordPress come piattaforma del suo sito, esistono due plugin gratuiti che possono sicuramente essere di grande aiuto in ottica SEO:

Entrambi offrono anche una versione a pagamento con funzionalità più avanzate, ma per iniziare le versioni gratuite sono più che sufficienti per fare un buon lavoro.

Conclusioni

I tempi in cui bastava utilizzare le giuste parole chiave per posizionarsi tra i primi risultati di ricerca sono ormai passati da molto tempo. Allo stesso modo quelli che ti abbiamo elencato sono suggerimenti che dovrebbero essere seguiti nella stesura di un articolo e che possono aiutarti molto con i motori di ricerca, ma questi non sono tutto.

Ricorda che il fattore più importante da tenere in considerazione è sempre la qualità dei contenuti offerti. Potrai seguire tutti i consigli del mondo in ottica di ottimizzazione SEO, ma se i tuoi contenuti non saranno di qualità, molto difficilmente riuscirai a posizionarti correttamente nelle SERP di Google o degli altri motori.

Il momento migliore è ora

Abbiamo una soluzione per ogni tua necessità. Scrivici.

I campi contrassegnati con * sono obbligatori